APPROVATO IN SENATO EMENDAMENTO A DL SBLOCCA CANTIERI

(Public Policy) - Roma, 06 giu -

Far rientrare anche la realizzazione dell’interporto di Trento, dell’interporto ferroviario di Isola della Scala (Verona) e del porto fluviale di Valdaro (Mantova) nell’ambito delle infrastrutture connesse al corridoio del Brennero.

Gli oneri dovranno rientrare quindi tra quelli a carico del nuovo concessionario dell’autostrada A22 Brennero-Modena. Lo prevedono due emendamenti identici, uno dei relatori e uno a firma Donatella CONZATTI (FI), al dl Sblocca cantieri-sisma approvato in aula al Senato con il quale si punta a modificare la Finanziaria del 1997. Questa aveva stabilito che il titolare della concessione di costruzione e gestione dell’autostrada del Brennero era autorizzata ad accantonare una quota prevalente dei proventi per rinnovare l’infrastruttura ferroviaria del Brennero e per la realizzazione delle infrastrutture connesse fino al nodo stazione di Verona. L’emendamento, come detto, aggiunge anche la realizzazione dell’interporto di Trento, dell’interporto ferroviario di Isola della Scala (Verona) e del porto fluviale di Valdaro (Mantova).

Qui Video Completo

L’onere stimato per le infrastrutture, a carico del nuovo concessionario dell’A22, sono stimati in 50 milioni per l’interporto di Trento, 150 per l’interporto ferroviario di Isola della Scala e 50 per il porto fluviale di Valdaro. In una prima versione dell’emendamento i fondi accantonati dal titolare della concessione sarebbero dovuto passare sotto la gestione dello Stato. Questa specifica è stata cancellata dalla versione approvata.

(Public Policy) @PPolicy_News FRA 061109 giu 2019